Il Centro Alzheimer di Colabufo lascia Triggiano ? L’Opera Pia sempre meno pia, ipotesi Fallacara

​La notizia che circola  in questi giorni di Natale non è delle migliori. E se confermata potrebbe  trasformarsi in  una figuraccia storica dopo che nel luglio scorso il ministro della sanità Lorenzin si è scomodato per tagliare con debito anticipo il nastro al Brain Fallacara Department che dovrebbe trovar casa al piano terra dell’ex istituto Luciano Addante attraverso un salatissimo contratto di locazione ventennale. Un centro d’eccellenza per lo studio e il trattamento dell’Alzheimer che il ricercatore e scienziato triggianese il prof. Nico Colabufo, attraverso lo spin off dell’Università di Bari, Biofordrug ha inteso allocare nel nostro Comune. Una scelta questa che si coniuga  con il  profondo legame di Colabufo con il  territorio ma che purtroppo si sta rivelando una enorme e santa delusione. Giusto per  stare alla cronaca dei fatti Biofordrug è pronta a fare le valigie e a realizzare la struttura altrove in barba a chi veste l’abito talare che sempre piu’ spesso non fa né il prete né il monaco ma il manager con i soldi e le donazioni altrui. Di mezzo ci sono o ci sarebbero degli ostacoli che per dignità è bene definire  “tecnico-amministrativi”  ma che impongono scelte alternative e più opportune in termini di costi e di organizzazione poiché scienziati e ricercatori seppur credenti,  e taluni anche uomini di fede, non possono dipendere dalla divina provvidenza che proprio divina in questo caso non  è. Anzi, è molto terrena e materiale,  più legata al vil denaro e che guardacaso  s’intreccia con personaggi del mondo affaristico locale. Nel percorso impervio di Biofordrag c’è l’ente ecclesiastico dell’Opera Pia che sembra aver dimenticato il suo statuto nella sistematica violazione degli articoli che impongono la  rotazione dei componenti dopo due mandati consecutivi di quattro anni ciascuno. I componenti del Cda sono tre, come la Santa Trinità oppure come  il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Ma a parte questo dettaglio che non possiamo neanche raccontare a uno come Cantone dell’Anticorruzione, tra i consiglieri c’è il delegato del Vescovo e quello del sindaco e dunque, aggiungiamo,  l’Amministrazione Comunale quando si scantona è chiamata a esercitare un ruolo politico e di controllo anche nei conti dell’Ente ecclesiastico. Tornando a Biofordrug e al Brain Fallacara Department, il sempre più probabile addio non sarà indolore ma segnerà una frattura con la comunità locale che aveva accolto con entusiasmo l’idea che Triggiano attraverso il prof. Colabufo potesse essere di richiamo  nel panorama internazionale per la presenza di un centro scientifico di eccellenza. L’Opera Pia secondo i rumors, sarebbe indebitata fino al collo per la ristrutturazione dell’ex istituto Luciano Addante i cui lavori sono stati appaltati dal consiglio di amministrazione ad una impresa edile  alla quale è stato affidato un appalto milionario al Policlinico di Bari.  Un’operazione in salsa triggianese clericalmente condotta con spericolatezza finanziaria le cui basi si poggiano sulla futura struttura riservata dall’Opera Pia agli anziani con pensioni d’oro  che consta di una dozzina di  appartamentini da 3mila euro al mese e al  contributo (enorme) della società di ricerca che per taluni poteva essere la mucca da  mungere ma che  i finanziamenti se  li conquista con progetti di ricerca di elevato spessore scientifico. Purtroppo come spesso accade la trattativa si è arenata e tanto si  tira la corda che poi si spezza per usura, perdendo una opportunità alla quale tutti dovremmo essere sensibilizzati. In primo piano c’è la Chiesa che rischia di perdere la faccia per eccesso di avidità e  in seconda battuta il Comune che dovrebbe ricordare  li spirito che ha da sempre animato la volontà di Suor Fallacara che i soldi non li intascava ma li regalava per il bene della Comunità.  Nel  frangente che qualcuno venga illuminato, è bene immaginare una valida alternativa pur di non disperdere un patrimonio. L’ipotesi potrebbe essere quella di insediare i laboratori  del Brain Fallacara Department all’interno dell’Ospedale di Triggiano. L’idea ha uno scopo e finalità di carattere non solo scientifico ma anche sanitario in perfetta aderenza con l’attività specialistica di Biofordrug che restituirebbe dignita’  ad un ospedale gravemente ridimensionato e distrutto dalla politica. Questo  sarebbe solo un punto di partenza per valorizzare quel poco che abbiamo.

Annunci